ELIXIR GENEPY ALPES VALDOT. 1962 OTTOZ SIG. STELLA  -   cod. 00001135
Categoria: Assenzio e liquori a base di Artemisia
Prezzo: non disponibile
Disponibilità: 1
Contenuto: 1,00 lt.
Confezione: 1
Località: Italia-Valle d'Aosta
Produttore: L. Ottoz St. Christophe (AO)


Chiedi informazioni sul prodotto

 
Laurent Ottoz emigrò in Francia nel 1875, ancora bambino.
Negli anni trascorsi all’estero maturò una profonda esperienza presso una gloriosa distilleria transalpina.
Tempo dopo si trasferì a Marsiglia dove viveva una numerosa colonia Valdostana.
Dal suo "Café des Alpins”, situato nel quartiere del vecchio porto, riforniva il circondario con i liquori che produceva, fino a quando, nel 1902, decise di rientrare in Valle d’Aosta dove iniziò a produrre il rinomato Génépy Ottoz.
Oggi tutta la gamma Ottoz è prodotta esclusivamente dalla Distilleria Saint Roch a Quart, dove all'interno fa da padrone un fantastico e pregiatissimo alambicco discontinuo, insieme a macchinari per l’imbottigliamento di ultima generazione.

Nel dialetto di molte popolazioni delle Alpi Occidentali "Génépy” è il nome, di probabile origine celtica, di un’erba di montagna, L’Artemisia Glacialis, una piantina che cresce oltre i duemila metri di altitudine su terreni morenici.
La raccolta viene effettuata con molta cura, senza asportare la radice, dai pastori delle alte vallate valdostane i quali, da sempre le attribuiscono doti medicinali.
Pianta dal profumo delicato di cui si diceva già nel IX° secolo che era vicina ad avere tante virtù quante foglie.
Le virtù della pianta di Genepy sono le stesse dell'assenzio, ma sono però più energiche e concentrate.
Esercita azione amaro-tonica, stomatica, diuretica, febbrifuga, vermifuga, emmenagoga e antisettica.
E' un tonico potente delle vie digestive, stimola l'appetito, contrae le fibre stomacali ed intestinali.
Utile nelle convalescenze, negli stati anemici, nelle dispepsie nervose, nelle clorosi, nelle diarree croniche e le flatulenze.
Aumenta le secrezioni urinarie ed è indicata nell'idropisia, l'anasarca, la gotta e le affezioni scrofolose.
E' usata nell'insufficienza epatica, nell'itterizia, nell'amenorrea.
Come vermifugo agisce contro gli ascaridi e gli ossiuri.
Per l'uso esterno il decotto salato ed il succo fresco o la tintura nettano rapidamente le piaghe suppurenti e saniose.
Per l’estrazione dalla pianta, due sono i metodi fondamentali: o si ottiene una tintura o si ottiene un alcolato e in seguito si miscela il tutto con acqua, alcool e zucchero fino a ottenere la gradazione alcoolica e il tenore zuccherino voluti.
Trattandosi di un digestivo, parte dello zucchero potrà essere rappresentato da glucosio purissimo, cioè dalla parte migliore e completamente digeribile dello zucchero, la quale, oltre a non essere tossica per il fegato, ha anche un minor potere dolcificante.
Nel caso in cui si opti per l'alcolato, si deve far macerare la parte migliore delle piantine, seccata e sminuzzata, in alcool per alcuni giorni fino a ottenere un infuso (praticamente una tintura) che ha diverse impurità.
Procedendo alla distillazione di quest'ultimo ne risulterà un’essenza purissima, che concentra tutto il profumo e le caratteristiche proprie del Génépy.
Si aggiungono poi acqua, alcool, zucchero e glucosio e si pone ad invecchiare; a maturazione avvenuta il liquore è pronto, ma, essendo cristallino, deve essere trattato con coloranti naturali, per rispettare la tradizione che da sempre lo vuole con il suo tipico color verde.

ELIXIR GENEPY DES ALPES VALDOTAINES 1962 L. OTTOZ SIGILLO STELLA (CHIARO)

Magnifica bottiglia di Génépy Ottoz collocabile, grazie al Sigillo metallico con effigiata la Stella della Repubblica, in un periodo temporale compreso tra il 30 Aprile 1949 e il 15 Giugno 1959.
In realtà, al centro dell’etichetta, è stato collocato un adesivo riportante la data 1962.
Probabilmente si tratta dell’anno di vendita apposto in seguito al periodo di commercializzazione effettiva poiché fa fede il sigillo in metallo.
Il contenuto è di 100 cl.
La gradazione alcolica non è indicata.
Tappo a vite perfettamente sigillante con una linguetta alla quale è agganciato il sigillo di Stato.
Le condizioni di conservazione del flacone sono molto buone.
Il livello, quasi perfetto, è posto all’attacco del collo.
Solamente una piccola ma ininfluente mancanza nell’angolo alto dell’etichetta non ci consente di classificare come perfetta questa rara bottiglia di Génépy Ottoz.
Si noti, nella parte bassa dell'etichetta, la scritta: Esente da imposta di fabbricazione per il territorio della Valle d'Aosta.

Powered by AlphaTeam